Notizie Flash

  1. LAZIO SENZA MAFIE: il patto sottoscritto dalle Associazioni e dalla Regione Lazio per contrastare le infiltrazioni mafiose nel tessuto economico e sociale della Regione. ASSEMBLEA SOS IMPRESA - RETE PER LA LEGALITA'

    Protocollo LAZIO SENZA MAFIE

     

    CRIMINALITA’: ASSEMBLEA SOS IMPRESA-RETE PER LA LEGALITA’ - 2 Luglio 2015

    Siglato accordo Confesercenti Lazio e Agenzia delle Entrate Lazio

    Protocollo d'intesa

    La Confesercenti Regionale del Lazio ha sottoscritto un importante protocollo d'intesa con l'Agenzia delle Entrate del Lazio avente ad oggetto l'utilizzo delle migliori iniziative per...

  2. Diventa Imprenditore

     Diventa Imprenditore, crea una nuova azienda

    Con Confesercenti Roma utilizzando il Bando

    Start Up della Camera di Commercio, contributi

    fino a 2.500 euro per l'avvio di impresa

    Per informazioni contatta il C@t,...

Home Blog sezione Comunicati Credito alla Pmi
Credito alla Pmi PDF Stampa E-mail
Scritto da Segreteria   
Mercoledì 07 Ottobre 2009 15:38
Confeseercenti: solo per 16% delle Pmi - 

L’attuale momento di crisi economico-finanziaria sta determinando gravi difficoltà e rendendo ancora piu’ problematico l’accesso al credito da parte delle PMI. Aumenta il livello di selettività delle banche nell’erogare finanziamenti, aumentano i tassi e diventano sempre piu’ onerose le condizioni per le imprese. Alle piccole e micro imprese in particolare viene destinato soltanto il 16% del totale degli impieghi bancari. In questo contesto, e’ sempre piu’ difficile garantire continuità nell’afflusso di credito alle Piccole e medie Imprese, fornendo ad esse i capitali necessari per affrontare la crisi, in vista di una auspicabile ripresa economica. E’ questo il quadro emerso nel corso del Workshop organizzato da Federfidi e Commerfin, che si e’ svolto questa mattina presso la sede nazionale della Confesercenti. “In questa fase congiunturale – ha sottolineato il presidente di Federfidi, Sergio Ferrari - il ruolo di garanzia dei confidi riveste un’importanza fondamentale, per cui occorre esaminare le prospettive che essi hanno di fronte in termini di assetti patrimoniali, competenze tecniche e modelli organizzativi. Tali modelli hanno ricevuto con la normativa di Basilea 2 un’accelerazione che richiede un ‘posizionamento multiplo’ dei confidi, rapportato alle finalità che intendono perseguire, anche in relazione alla complessità della regolamentazione di vigilanza che li riguarda”. Quotidianamente i confidi devono confrontarsi con problemi legati al break even, alle risorse tecniche, ai vincoli operativi, agli strumenti di gestione, ai percorsi organizzativi, ai rapporti costi/benefici delle soluzioni alternative. Tutte questioni che richiedono un approfondimento complessivo per le scelte importanti che devono compiere. “In questo contesto - ha sottolineato Riccardo Benincampi, responsabile del osservatorio banche-imprese dell’Abi – e’ fondamentale la prosecuzione del dialogo tra imprese, banche ed autorita’ pubbliche per individuare gli strumenti e le soluzioni capaci di semplificare l’accesso al credito da parte delle aziende”.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 07 Ottobre 2009 15:43
 

innova energia

logo new

export

Cerca nel sito

Newsletter



Acconsento al trattamento dei miei dati personali (dlgs. 196 del 30/Giugno/2003)

Accesso riservato ai soci

Aprile 2024 Maggio 2024
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30

Eventi in Programma

Non ci sono eventi in programma
Consulta il Calendario