Notizie Flash

  1. LAZIO SENZA MAFIE: il patto sottoscritto dalle Associazioni e dalla Regione Lazio per contrastare le infiltrazioni mafiose nel tessuto economico e sociale della Regione. ASSEMBLEA SOS IMPRESA - RETE PER LA LEGALITA'

    Protocollo LAZIO SENZA MAFIE

     

    CRIMINALITA’: ASSEMBLEA SOS IMPRESA-RETE PER LA LEGALITA’ - 2 Luglio 2015

    Siglato accordo Confesercenti Lazio e Agenzia delle Entrate Lazio

    Protocollo d'intesa

    La Confesercenti Regionale del Lazio ha sottoscritto un importante protocollo d'intesa con l'Agenzia delle Entrate del Lazio avente ad oggetto l'utilizzo delle migliori iniziative per...

  2. Diventa Imprenditore

     Diventa Imprenditore, crea una nuova azienda

    Con Confesercenti Roma utilizzando il Bando

    Start Up della Camera di Commercio, contributi

    fino a 2.500 euro per l'avvio di impresa

    Per informazioni contatta il C@t,...

Home Blog sezione Comunicati Nasce Rete Imprese Italia
Nasce Rete Imprese Italia PDF Stampa E-mail
Scritto da Segreteria   
Lunedì 10 Maggio 2010 14:03

Con il comunicato che segue, la Confesercenti Nazionale dal proprio sito da notizia dell'avvenuta costituzione della nuova Associazione R.e Te.- Imprese Italia, la interconfederazione costituita da Confesercenti, Confcommerfcio, CNA, Confartigianato e Casartigiani.

"Si è svolta questa mattina presso l'Auditorium di Roma l’Assemblea del “Patto del Capranica” per la presentazione del nuovo soggetto di rappresentanza unitario del mondo delle Pmi e dell’impresa diffusa promosso dalle cinque maggiori organizzazioni dell’artigianato, del commercio, dei servizi e del turismo. Sono intervenuti il Presidente del Censis, Giuseppe De Rita, e i Presidenti di Casartigiani, Giacomo Basso, di CNA, Ivan Malavasi, di Confartigianato, Giorgio Guerrini, di Confcommercio, Carlo Sangalli, e di Confesercenti, Marco Venturi. All’Assemblea erano presenti rappresentanti del Governo e delle istituzioni ed esponenti della politica e del mondo economico, sindacale ed imprenditoriale.

“… Rappresentiamo quelle piccole e medie imprese, quell’impresa diffusa che ha scritto la storia dei processi di sviluppo territoriale e che, nel territorio, ha agito come straordinario fattore di coesione sociale. Rappresentiamo quell’Italia produttiva che non ha tirato i remi in barca ed ha continuato a confrontarsi…" Oggi, apriamo una fase nuova e diversa dell’esperienza del “patto del Capranica”. Una fase in cui il nostro lavorare insieme assume forme organizzative stabili e strutturate, contenuti programmatici più impegnativi, obiettivi più ambiziosi. Per questo, oggi, nasce “Rete – Imprese Italia”. “Nomen omen”: nel nome è il destino. E, allora, “Rete” per dire di un destino, di una vocazione al tenere insieme, al connettere. A tenere insieme ed a connettere le imprese; a tenere insieme ed a connettere le imprese ed il territorio; a tenere insieme ed a connettere le imprese, il territorio, il Paese. “Rete”: per dire di “reti” che hanno solide radici nel territorio, ma sanno esplorare il mondo. E’ uno dei passaggi salienti dell’intervento di Carlo Sangalli, Presidente di turno di Rete Imprese Italia

"L'iniziativa di oggi ha uno straordinario valore anche in relazione al profondo cambiamento del retroterra di questi anni che ha creato le condizioni più favorevoli per l'incontro e l'impegno comune delle nostre organizzazioni. Veniamo da storie diverse, ma siamo riusciti ad andare oltre. Per questo sono molto ottimista sulle prospettive". Lo ha affermato il presidente di Confesercenti Marco Venturi nel corso dell'assemblea "Patto del Capranica". "Ciò su cui dobbiamo puntare adesso è una forte, unitaria capacità progettuale di creare sviluppo. Perchè è l'unità una delle ricette principali per affrontare e superare la crisi". “Ci vogliono le risorse per investire" ha detto Venturi. Per fare innovazione ci vuole una capacità di investimento. In un momento di crisi come questo dove le imprese incontrano difficoltà a cui devono reagire, le risorse sono davvero poche e le imprese hanno difficoltà di accesso al credito. Noi attraverso il sistema dei Confidi cerchiamo di sostenere le imprese, ma non basta: c’è bisogno di una politica di sviluppo che favorisca gli investimenti per fa crescere le imprese in dimensioni, qualità e dunque competitività. Non abbiamo semplicemente bisogno di rimanere a galla. Non bisogna poi dimenticare che in un momento di forte crisi cresce il fenomeno dell’usura: la politica deve proteggere il tessuto delle nostre imprese dagli attacchi della criminalità”.

"Il problema di questa Federazione che nasce oggi non è tanto il contenuto delle politiche da seguire, non è il "cosa" ma il "chi": come si misureranno le singole componenti in questo progetto comune, con quale coraggio, ed entusiasmo. Non sono ammessi mal di mare!" Così Giuseppe De Rita, presidente del Censis.

“Conosciamo bene tutte le difficoltà del fare impresa quotidiane - ha affermato il presidente Ivan Malavasi di CNA - Non ci sono bacchette magiche per contrastare una crisi così pesante che ha penalizzato fortemente il mondo delle imprese. Ma ci può essere una politica fiscale più giusta che sappia ridare slancio alla competitività delle pmi. Attraverso questa alleanza vogliamo partecipare davvero alla costruzione dell’agenda politica del paese, partendo innanzitutto col combattere politiche fiscali insostenibili. Dobbiamo ridare dignità ad un mondo considerato fino ad oggi marginale. Rete impresa Italia ha bisogno di esprimere, come ha ricordato Venturi, la sua autonomia e le sue competenze".

“I motivi che hanno spinto ad unificarci sono partiti da un’onda di reazione forte ad una politica fiscale ingiustamente vessatoria nei confronti delle pmi, da un moto di ribellione”. Giacomo Basso, presidente di Casartigiani "Ma oggi il senso della nostra alleanza acquisisce maturità perché mira prima di tutto ad unire l’impresa. L’Italia ha una rete imprenditoriale e industriale di piccole e medie imprese che è stata capace di fronteggiare la crisi meglio di altri paesi e questa unione della rappresentatività può favorire l’unione delle imprese, occasione irripetibile per vincere le sfide del futuro”.

“Rafforzare la rappresentatività dell’impresa tutta per dare più forza al nostro sistema economico”. Lo ha affermato Giorgio Guerrini, presidente di Confartigianato. "Al mondo politico chiediamo di porre fine alla politica degli annunci nei confronti delle pmi: c’è bisogno di fare cose concrete, ma tutti insieme: Confindustria, i sindacati e le rappresentanze politiche".


Ultimo aggiornamento Lunedì 10 Maggio 2010 14:11
 

innova energia

logo new

export

Cerca nel sito

Newsletter



Acconsento al trattamento dei miei dati personali (dlgs. 196 del 30/Giugno/2003)

Accesso riservato ai soci

Aprile 2024 Maggio 2024
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30

Eventi in Programma

Non ci sono eventi in programma
Consulta il Calendario