Notizie Flash

  1. LAZIO SENZA MAFIE: il patto sottoscritto dalle Associazioni e dalla Regione Lazio per contrastare le infiltrazioni mafiose nel tessuto economico e sociale della Regione. ASSEMBLEA SOS IMPRESA - RETE PER LA LEGALITA'

    Protocollo LAZIO SENZA MAFIE

     

    CRIMINALITA’: ASSEMBLEA SOS IMPRESA-RETE PER LA LEGALITA’ - 2 Luglio 2015

    Siglato accordo Confesercenti Lazio e Agenzia delle Entrate Lazio

    Protocollo d'intesa

    La Confesercenti Regionale del Lazio ha sottoscritto un importante protocollo d'intesa con l'Agenzia delle Entrate del Lazio avente ad oggetto l'utilizzo delle migliori iniziative per...

  2. Diventa Imprenditore

     Diventa Imprenditore, crea una nuova azienda

    Con Confesercenti Roma utilizzando il Bando

    Start Up della Camera di Commercio, contributi

    fino a 2.500 euro per l'avvio di impresa

    Per informazioni contatta il C@t,...

Home Blog sezione Comunicati Prezzi dei carburanti: armonizzare il peso delle tasse con la UE
Prezzi dei carburanti: armonizzare il peso delle tasse con la UE PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 28 Gennaio 2016 13:13
 
Benzina: Landi,  “dichiarazioni Padoan dimostrano necessita’ di reale armonizzazione prezzi con UE. In Italia tasse pesano dal 2,5 al 6% in piu’

 

 

 

 

 

 

Landi, FAIB: “dichiarazioni Padoan dimostrano necessita’ di reale armonizzazione prezzi con UE. In Italia tasse pesano dal 2,5 al 6% in piu’.

“L’incidenza fiscale di accise ed Iva sul prezzo dei carburanti, indicata dal Ministro Padoan nel corso del question time alla Camera, evidenzia che ci sono i margini per una riduzione in Italia, realizzando così una reale armonizzazione con il resto d’Europa”. 

E’ quanto afferma il Presidente di Faib Confesercenti, Martino Landi, commentando le dichiarazioni del Ministro dell’Economia. 
“I dati riportati dal Ministro - sottolinea Landi - mostrano un livello di incidenza di Iva ed accise di circa 2,5 punti percentuali per la benzina e di 5,8 per il gasolio, rispetto al resto d’Europa. Una differenza che rende difficile parlare di armonizzazione. Riteniamo dunque che questa sia una buona occasione per prendere atto dell’incidenza di Iva e accise sul costo complessivo dei carburanti, che di fatto non consente di risentire più di tanto positivamente del calo del prezzo del petrolio, e soprattutto dei margini esistenti per ridurre tale peso sul prezzo finale. Secondo una nostra stima - conclude il Presidente di Faib - se anche il petrolio fosse gratuito, la benzina costerebbe in Italia 1,08 euro ed il gasolio 0,965 euro”.

Ultimo aggiornamento Giovedì 28 Gennaio 2016 13:18
 

innova energia

logo new

export

Cerca nel sito

Newsletter



Acconsento al trattamento dei miei dati personali (dlgs. 196 del 30/Giugno/2003)

Accesso riservato ai soci

Aprile 2024 Maggio 2024
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30

Eventi in Programma

Non ci sono eventi in programma
Consulta il Calendario