Dal 1° gennaio al via le domande per l'Assegno Unico e Universale. Serve l'ISEE? Tempi e modalità di presentazione delle domande

In cosa consiste l’Assegno Unico e Universale (AUU). Serve l'ISEE per vederlo riconosciuto? Quali sono i tempi e le modalità per presentare la domanda?

 

L’Assegno Unico e Universale (AUU) per i figli:

  • è una prestazione erogata mensilmente dall’INPS a tutti i nuclei familiari con figli di età inferiore a 21 anni che ne faranno richiesta; l’erogazione avviene tramite bonifico sul conto corrente dei genitori;
  • spetta a tutti i nuclei familiari indipendentemente dalla condizione lavorativa dei genitori (non occupati, disoccupati, percettori di reddito di cittadinanza, lavoratori dipendenti, lavoratori autonomi e pensionati) e senza limiti di reddito;
  • ha un importo commisurato all’ISEE; tuttavia nel caso in cui non si volesse presentare un ISEE, è comunque possibile fare domanda e ottenere l’importo minimo per ciascun figlio

L’AUU sostituisce detrazioni e assegni per il nucleo

Dal mese di marzo 2022 non verranno più erogati in busta paga gli assegni per il nucleo familiare e gli assegni familiari; inoltre, non saranno più riconosciute le detrazioni per figli a carico sotto i 21 anni. Questi strumenti verranno sostituiti dall’AUU, per il quale è necessario presentare domanda all’INPS, anche tramite Patronati.

Fino alla fine di febbraio del primo anno di applicazione (2022) saranno prorogate le misure in essere, cioè assegno temporaneo, assegno ai nuclei familiari, assegni familiari e detrazioni fiscali per i figli minori di 21 anni.

Tempi e modalità di presentazione delle domande

Le domande, corredate o meno di ISEE, potranno essere presentate a partire dal 1° gennaio 2022. Per poter percepire l’AUU già da marzo e, quindi, non avere una riduzione delle disponibilità economiche in quel mese è necessario procedere con le domande dal mese di gennaio.

Le domande possono essere presentate in qualunque momento dell’anno e, se accolte, danno diritto all’erogazione del beneficio fino al mese di febbraio dell’anno successivo. Tutte le domande presentate entro il 30 giugno di ciascun anno danno comunque diritto agli arretrati dal mese di marzo.

 

Scadenze e novità per Reddito di Pensione e reddito di cittadinanza:

I titolari di reddito e pensione di cittadinanza entro il 31/01/2022 dovranno presentare la dsu 2022 pena la decadenza del beneficio. Inoltre qualora precedentemente sia stato dichiarato con modello RDC Com Ridotto o Esteso attività da lavoro subordinata e la stessa si protragga nel corso del 2022, occorrerà compilare il modello RdC/PdC – Com Esteso con i redditi presunti per il nuovo anno.

 

Per richiedere l'elaborazione del modello ISEE contattare l'Ufficio Caaf Confesercenti di Roma:

Ufficio Caaf Confesercenti di Roma
A.Elisa Mainero
Tel 06/44.25.02.67
E-mail: cafroma@confesercentiroma.it