Notizie Flash

  1. LAZIO SENZA MAFIE: il patto sottoscritto dalle Associazioni e dalla Regione Lazio per contrastare le infiltrazioni mafiose nel tessuto economico e sociale della Regione. ASSEMBLEA SOS IMPRESA - RETE PER LA LEGALITA'

    Protocollo LAZIO SENZA MAFIE

     

    CRIMINALITA’: ASSEMBLEA SOS IMPRESA-RETE PER LA LEGALITA’ - 2 Luglio 2015

    Siglato accordo Confesercenti Lazio e Agenzia delle Entrate Lazio

    Protocollo d'intesa

    La Confesercenti Regionale del Lazio ha sottoscritto un importante protocollo d'intesa con l'Agenzia delle Entrate del Lazio avente ad oggetto l'utilizzo delle migliori iniziative per...

  2. Diventa Imprenditore

     Diventa Imprenditore, crea una nuova azienda

    Con Confesercenti Roma utilizzando il Bando

    Start Up della Camera di Commercio, contributi

    fino a 2.500 euro per l'avvio di impresa

    Per informazioni contatta il C@t,...

Home Blog sezione
Fisco: pausa estiva per Equitalia e Agenzia delle Entrate. Sospeso l'invio delle cartelle e dei termini. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 02 Agosto 2016 17:03

stop-equitalia

 

 

 

 

 

 

 

Pausa d’agosto anche sul fronte fiscale.Con un provvedimento dell’Amministratore delegato del Gruppo Ernesto Maria Ruffini, Equitalia sospende dall’8 al 22 agosto l’invio di oltre 360mila cartelle, facendone slittare la notifica – a mezzo posta cartacea o via Posta Elettronica Certificata – a partire dalla terza settimana del mese.
Nel dettaglio, non verranno inviati 273mila 854 atti che sarebbero dovuti essere notificati per posta, a cui aggiungere 86mila 337 da inviare attraverso PEC, per un totale di poco più di 360mila cartelle esattoriali. Saranno invece spediti regolarmente circa 20mila atti che sono ritenuti inderogabil e che – avverte il gruppo – saranno invece inviate lo stesso nonostante la pausa. 
I termini per le impugnazioni da parte dei contribuenti sono comunque sospesi ad agosto, e quindi un’eventuale notifica da parte di Equitalia non inizierebbe in ogni caso a decorrere che a partire da settembre. 
Anche l’Agenzia delle Entrate sospende gli accertamenti fiscali per agosto e proroga i termini per consegnare i documenti dei controlli fino alla fine di settembre.
La decisione di istituire la pausa fiscale di Ferragosto segue il successo della stessa iniziativa presa a Natale 2015, quando Ruffini chiese la sospensione di circa mezzo milione di cartelle dal 24 dicembre al 6 gennaio. E si inserisce nella nuova linea di compliance fiscale, che ha visto anche altre iniziative come le cartelle con un automatico piano di rateazione, in base alla quale a una maggior efficienza dei servizi corrisponde anche la volontà di rendere più semplice la vita ai cittadini.
“Vogliamo utilizzare ogni strumento – spiega Ruffini – per essere efficienti come società pubblica che ha degli obiettivi da raggiungere, un servizio da offrire, e nel contempo però deve sapere dialogare con i contribuenti che sono innanzitutto persone, cittadini che non possono percepire lo Stato come un avversario, come un ostacolo”.
Si tratta, pertanto, di un’altra azione che si inserisce nel solco di quelle attuate negli ultimi mesi per dare un volto più collaborativo al Gruppo. Anche Equitalia, ha dichiarato Ruffini, sta realizzando “un progetto di riforma interna” che mira a migliorare i servizi e recuperare risorse “cercando di essere a fianco dei cittadini verso i quali dobbiamo assoluto rispetto”.
Per quanto riguarda l‘Agenzia delle Entrate, invece, slittano a settembre i termini per rispondere alle richieste di documentazione inviate dal Fisco sui controlli formali relativi alle dichiarazioni dei redditi 2013, presentate con UNICO 2014. Proroga a settembre anche per i 280mila contribuenti che, fra maggio e luglio, hanno ricevuto avvisi bonari su errori e dimenticanze in dichiarazione dei redditi. I destinatari possono contattare l’Agenzia delle Entrate per fornire chiarimenti, se ritengono di non aver commesso irregolarità, oppure mettersi in regola tramite ravvedimento operoso.
Fonte confesercenti.it
 
Emergenza rifiuti a Roma PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 22 Luglio 2016 10:36

 emergenza rifiuti

COMUNICATO STAMPA

Emergenza rifiuti a Roma:

“Se continua così è legittimo impugnare la tariffa dei rifiuti e ricevere una de-contribuzione immediata.

I cittadini e le imprese non possono più pagare un servizio che non viene svolto”.

A dichiararlo è il Presidente della Confesercenti di Roma, Valter Giammaria.

“La situazione è allarmante: la denuncia sulla sporcizia a Roma, topi e cinghiali compresi non sono più una boutade per gli amanti del social, ma corre sui media e in tutto il mondo, la sporcizia invade la città, non solo in periferia. Stiamo subendo un doppio danno: di immagine e di vivibilità da un lato e di costi sostenuti per un servizio non reso dall’altro, come invece dovrebbe essere svolto per quello che paghiamo”.

“Roma e i romani davvero meritano di più - aggiunge Giammaria - che ricorda che nella città si subisce la tassazione locale tra le più alte del paese ”.

Adesso è venuto il momento di risolvere la questione, sottolineano in Confesercenti, o c’è il rischio che monti una forte ed esasperata protesta in tutta la città, a partire direttamente dai quartieri.

“Segnaliamo che le tariffe rifiuti 2016 adottate dal Comune di Roma hanno raggiunto cifre impressionanti: Bar che pagano per il dentro e fuori, dove già si paga l’occupazione di suolo pubblico, 38 euro al mq; ristoranti con 43 euro e pescherie, fiorai e pizzerie a taglio con addirittura 52 euro: un importo che quasi rappresenta un secondo affitto del locale, in alcuni casi il terzo affitto, aggiungendosi all’Osp, pagato per smaltire i rifiuti urbani e al netto dei rifiuti speciali smaltiti attraverso altri canali privati e onerosi”. Cifre assolutamente alte per una città così sporca.

“Basta guardare fuori dei negozi, se non fosse per l’esercente che spazza tutte le mattine il marciapiede, la sporcizia che ha invaso le strade avrebbe bussato alla porta del negozio e per non parlare evidentemente dello stato in cui versano i cassonetti, le montagne di rifiuti puzzolenti. Ci hanno fatto notare, sostiene Giammaria, alcuni nostri soci che ci sono strade alberate del centro con le foglie secche cadute in ottobre, questo vuol dire che da nove mesi nessuno si occupa della pulizia delle strade e si dice che ora si puliranno i tombini”.

Prima della campagna elettorale a Roma abbiamo svolto - precisano in Confesercenti - un sondaggio tra i nostri operatori del centro storico, un centinaio, ed è emerso che al primo punto delle cose che non vanno proprio nella città vi è il degrado che pervade la capitale.

“Ora gli esami e gli appelli sono conclusi, chiosa Giammaria, subito la pulizia straordinaria della città, un calendario dei passaggi per lo smaltimento dei rifiuti più stringente, la rimessa a posto delle isole e dei cassonetti e la riduzione dei costi delle tariffe per il 2016, un atto dovuto”.

Roma, 22/07/2016

Ultimo aggiornamento Venerdì 22 Luglio 2016 10:43
 
Equitalia: possibile sanatoria sui pagamenti a rate PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 15 Luglio 2016 15:53

equitalia-675

 

 

 

 

 

Fonte confesercenti.it

La novità nel maxi-emendamento al Decreto Enti Locali

Sanatoria sulle rate di Equitalia in arrivo. Nel maxi-emendamento presentato al Decreto Enti Locali, in discussione questi giorni, sono previste nuove possibilità per i contribuenti che hanno saltato uno o più termini di pagamento e che vogliono mettersi in regola. Chi in passato non avesse approfittato di una dilazione potrà infatti di nuovo rateizzare il pagamento senza dover pagare tutto lo scaduto in un’unica soluzione.

Prima chi non pagava otto rate della rateizzazione concessa da Equitalia non aveva più la possibilità di chiedere un pagamento dilazionati esponendosi, nel caso di mancato versamento del debito tutto in una volta, al rischio di pignoramenti. Una recente riforma ha ridotto a 5 anche non consecutive le rate oltre le quali si decade dalla dilazione, però ha consentito al contribuente decaduto di essere riammesso alla rateazione pagando, in un’unica soluzione, tutto l’arretrato. Questa possibilità risultava troppo onerosa per chi aveva perso la dilazione prima dell’entrata in vigore della riforma ossia il 22 ottobre 2015 per via della enorme cifra di debito maturata sino a quel momento.

Chi non ha pagato almeno cinque delle rate ed è decaduto dalla dilazione potrà contare su una specie di sanatoria, potrà cioè accedere ancora alla rateazione senza necessità di versare tutto lo scaduto. A condizione però che la relativa domanda venga presentata entro 60 giorni dalla legge di conversione del decreto legge e ciò vale sia per chi è decaduto dalla dilazione prima del 22 ottobre 2015, sia per chi si è reso inadempiente in seguito.

Tra le altre novità viene alzato da 50 a 60mila euro il tetto massimo di debito per cui la richiesta di dilazione viene autorizzata da Equitalia con la semplice presentazione della istanza, senza bisogno di dimostrare la propria situazione di difficoltà economica. In tal caso l’Esattore concede una dilazione a 6 anni (ossia 72 rate). Inoltre c’è la possibilità per il contribuente di rinegoziare i piani di rateazione in corso allungando il periodo di pagamento.

 
Assemblea Confesercenti: rapporto Cer-Eures, diffusa insicurezza PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 06 Luglio 2016 14:58

Assemblea3 640x320

Assemblea Confesercenti, Rapporto Cer-Eures: situazione di diffusa insicurezza

per famiglie e imprese italiane, alla fine della grande crisi

IMG 20160706 101646 640x320

Ultimo aggiornamento Mercoledì 06 Luglio 2016 15:04
 
Turismo: al via il Fondo Garanzia Assoviaggi Confesercenti PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 04 Luglio 2016 12:31

lo garanziaviaggi 300x148lg assov sml

Da oggi è possibile aderire al “Fondo Garanzia Viaggi” di emanazione Assoviaggi Confesercenti. Come anticipato nei giorni scorsi, dopo la nota del 28 giugno del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo relativa al progetto di Fondo Privato di Garanzia Confesercenti Assoviaggi, ieri è stata costituita la società “Garanzia Viaggi S.r.l.” (repertorio n. 392932 raccolta n. 21776 Notaio Mario Enzo Romano) avente sede legale in Roma, in Via Nazionale 60, per rispondere alle finalità previste dall’art. 50 commi 2 e 3 del D.Lgs. 23 maggio 2011, n. 79 (Codice del Turismo), con le modalità e nei limiti dell’ex Fondo di Garanzia gestito dallo Stato.

“Siamo perfettamente operativi da oggi 1° luglio, nel rispetto dei tempi previsti dalla legge”, dichiara Gianni Rebecchi, presidente Assoviaggi Confesercenti. “Come promesso, abbiamo realizzato uno strumento innovativo per tutto il comparto dei viaggi, perché prevede una contribuzione al fondo differenziata per tour operator, agenzie di viaggio indipendenti o in network/franchising con trattamenti agevolati commisurati al grado di garanzie fornite dal singolo operatore.”

Altri tratti distintivi del Fondo Garanzia Viaggi sono l’emissione di certificati da consegnare al cliente, le modalità di calcolo del contributo al fondo a passeggero o in percentuale sul valore del pacchetto e la possibilità di uscire dal fondo con una semplice comunicazione.

“Abbiamo messo a punto – conclude Rebecchi –  un meccanismo a tutela dei clienti, ma anche delle agenzie e dei tour operator associati che contribuiscono al fondo e che vorranno distinguersi sul mercato in termini di qualità e affidabilità. Uno strumento per molti ma non per tutti.”

Per ricevere tutte le informazioni in merito al fondo di garanzia Assoviaggi Confesercenti è sufficiente registrarsi, senza impegni né vincoli, sul sito web www.garanziaviaggi.it

Roma, 1 luglio 2016

NOTA: Si ricorda che la garanzia riguarda i contratti di turismo organizzato (pratiche con pacchetti vacanza) nei casi di insolvenza o fallimento dell’intermediario o dell’organizzatore, ognuno per la propria parte, assicurando al turista il rimborso del prezzo versato ed il rientro immediato.

fonte confesercenti.it

Ultimo aggiornamento Lunedì 04 Luglio 2016 12:57
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 76

innova energia

logo new

export

Cerca nel sito

Newsletter



Acconsento al trattamento dei miei dati personali (dlgs. 196 del 30/Giugno/2003)

Accesso riservato ai soci

Dicembre 2016 Gennaio 2017
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Eventi in Programma

Non ci sono eventi in programma
Consulta il Calendario