Notizie Flash
  1. Presidenza Regionale della Confesercenti del Lazio

    E' convocata la Presidenza regionale del Lazio che si terrà il 23 luglio 2013 alle ore 13.30 presso la sede dell'associazione a Roma in Via Messina 19.


  2. Presidenza Provinciale Confesercenti Roma

    E' convocata la Presidenza della Confesercenti Provinciale di Roma che si terrà il 22 luglio 2013 alle ore 13.30 presso la sede dell'associazione a Roma in Via Messina 19.


  3. Assemblea Elettiva - Proposta di Delibera convocazione Assemblea Elettiva 2013

    Proposta di Delibera: convocazione Assemblea Elettiva 2013

     

    La Confesercenti Provinciale di Roma

    CONSIDERATA

    la riunione della Presidenza Provinciale del 09.04.2013 giusto apposito punto...

  1. LAZIO SENZA MAFIE: il patto sottoscritto dalle Associazioni e dalla Regione Lazio per contrastare le infiltrazioni mafiose nel tessuto economico e sociale della Regione. ASSEMBLEA SOS IMPRESA - RETE PER LA LEGALITA'

    Protocollo LAZIO SENZA MAFIE

     

    CRIMINALITA’: ASSEMBLEA SOS IMPRESA-RETE PER LA LEGALITA’ - 2 Luglio 2015

    Siglato accordo Confesercenti Lazio e Agenzia delle Entrate Lazio

    Protocollo d'intesa

    La Confesercenti Regionale del Lazio ha sottoscritto un importante protocollo d'intesa con l'Agenzia delle Entrate del Lazio avente ad oggetto l'utilizzo delle migliori iniziative per...

  2. Diventa Imprenditore

     Diventa Imprenditore, crea una nuova azienda

    Con Confesercenti Roma utilizzando il Bando

    Start Up della Camera di Commercio, contributi

    fino a 2.500 euro per l'avvio di impresa

    Per informazioni contatta il C@t,...

Home Blog sezione
Confesercenti: Giammaria scrive alla Raggi contro il degrado capitale PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 13 Febbraio 2017 15:05

giammaria rete imprese italia pantheon

 

Lettera aperta alla Sindaca di Roma

 

Gentile Sindaca, la Città è degradata, spoglia e senza appeal e senza prospettive! E’ ora di cambiare marcia

La Confesercenti di Roma è fortemente preoccupata per la situazione drammatica che vive la nostra struttura economico/sociale ed in particolare la piccola e media impresa del commercio, del turismo e dei servizi.

Purtroppo i dati economici che registriamo non sono positivi, sia per quel che riguarda la capacità di spesa delle famiglie, come del resto viene dimostrato dall’andamento dei consumi del Natale appena trascorso (-10%), sia durante i Saldi (-30%) e in questi primi giorni di Febbraio, in cui ci sembra di registrare un ulteriore calo. Il numero totale delle imprese cresce, grazie ad alcune attività e settori, ma a soffrire restano quelle del commercio che fanno registrare, nel 2016, un calo di oltre 2500 attività e 8000 posti di lavoro persi.

In questo contesto la nostra città sembra non essere più in grado di investire sulle proprie ricchezze, facendo così diminuire il proprio appeal; viviamo in una città sostanzialmente sporca, degradata, con buche e strade divelte e buie, mentre continua a diffondersi l’abusivismo e proliferano veri e propri suk, mentre registriamo oltre 10.000 locali commerciali sfitti.

Il mancato abbellimento della città con le luci durante le recenti festività rischia di essere la cartina di tornasole di uno stato di abbandono. Sulla questione del degrado è sufficiente guardarsi attorno e leggere le notizie di cronaca.

Riportiamo l’esito di un sondaggio svolto da Assoturismo Confesercenti, rivolto a circa 300 associati del centro storico esercenti attività turistiche e di intrattenimento rappresentative del territorio. Gli intervistati hanno risposto, per il 60 %, mettendo al primo posto il decoro della città, un’esigenza percepita con molta forza.

Del resto il biglietto da visita di Roma non può essere rappresentato da immagini che ritraggono cassonetti divelti, sporcizia nelle vie, buche, voragini nelle strade e topi o chi può permettersi di imbrattare l’immagine simbolo della città nel mondo, il Colosseo.

 

Sembra di trovarci in una città ferma avvolta in una discussione politica, chiusa tra le beghe del palazzo del Campidoglio; attorcigliandosi su se stessa, la città non riesce ad esprimere tutte le dinamicità e potenzialità che possiede; incapace di attrarre, e che, per di più, perde le sue peculiarità turistiche, nonostante l’enorme patrimonio storico e architettonico di valore mondiale.

Siamo convinti che ci sia la necessità di iniziative ed atti coraggiosi che rimettono in moto Roma: la Roma turistica e dei commerci.

Occorre assolutamente intercettare la domanda del turismo internazionale che vede in Roma una importante meta da visitare. Si pensi al valore economico che rappresenterebbe un investimento sul turismo congressuale e fieristico: che sembra invece non interessare, per le scelte che per la carenza di infrastrutture. Crediamo che la nostra città, il suo tessuto economico e produttivo siano in grado di dare il proprio contributo a invertire questa situazione. In questi mesi abbiamo presentato proposte e idee che, a nostro avviso, possono contribuire a dare risposte alle aspettative di chi in questa città ci vive, ci lavora e dà lavoro. Purtroppo dobbiamo registrare che ad oggi l’Amministrazione Comunale non sembra aver accolto quanto da noi evidenziato.

Occorre assolutamente aprire un tavolo di confronto per realizzare il Piano Urbanistico Commerciale della capitale. Sia chiaro, abbiamo detto si allo stadio della Roma, ma un no secco ad un nuovo centro commerciale in deroga al piano regolatore, in questo e in tutti gli altri casi: ora basta con uno sviluppo distorto e “selvaggio” ai danni della più grande risorsa economica e sociale rappresentata dalla piccola impresa del commercio, del turismo e dei servizi.

Abbiamo già perso molti mesi e molte occasioni per investire in sviluppo e rilanciare l’immagine di Roma, stiamo perdendo pezzi di economia con imprese che lasciano la città e altre che non investono. Quello che si è fatto in questo frangente di legislatura e pochissimo o niente di quanto occorre.

Bisogna ripartire con coesione e partecipazione. Per questo crediamo non più rinviabile l’apertura di un confronto serio e concreto sui problemi della città, confermando la nostra disponibilità ad una fattiva collaborazione a fronte di un concreto impegno sulle cose da fare.

 

Sindaca Raggi, lei in campagna elettorale ha conosciuto le imprese, ascoltato le nostre proposte. Si ricorderà che le mettemmo in evidenza che ammontano a 6,4 i miliardi di euro che vanno in fumo ogni anno a Roma per burocrazia, corruzione, abusivismo e contraffazione e cosa si è fatto e si sta facendo per ridurre un costo così elevato per tutta la nostra economia?

Occorre sburocratizzare e rendere più trasparenti gli atti amministrativi che consentano ad un imprenditore di sviluppare la propria attività.

Gli adempimenti sono percepiti estremamente complessi, lunghi e costosi dalla stragrande maggioranza degli imprenditori, per più del 65%.

Per oltre il 30% ritengono che questo sia un aspetto da affrontare tra le priorità.

Sappiamo che non dipende solo da Lei in quanto Sindaca, ma molto può fare.

Le ricordiamo che la burocrazia che grava sui piccoli imprenditori romani del settore commercio pesa più di 500 milioni di euro, ciò nonostante i tentativi in atto di semplificazione - sportelli unici, pec, pratiche telematiche…- La cifra sale se allarghiamo l’orizzonte a tutto il settore, al turismo e ristorazione, raggiungendo 1,6 miliardi di euro.

Se a ciò sommiamo il costo della corruzione, che prospera grazie alla complessa burocrazia e alla poca trasparenza, radicata nella città a tutti i livelli e stimata in 60 miliardi di euro a livello nazionale, questa ragionevolmente pesa per almeno 2 miliardi di euro effettivi nella sola città di Roma.

Circa l’abusivismo, una indagine attendibile di Confesercenti - REF Ricerche, ha rilevato il valore stimato degli articoli sequestrati alle attività commerciali abusive nel 2014: il risultato è pari a poco meno di un miliardo di euro (913 milioni). Ed è solo una frazione del totale. Il fatturato stimato derivante dall’abusivismo nel Commercio, più in generale, è di 1.5 mld/€ e di  470 ml/€ il mancato gettito per lo stato; nel settore del Turismo l’entità è di 1.4 mld/€ e 420 ml/€ di mancato gettito: per un totale di volume d’affari dell’abusivismo di 2.9 mld/€ 990 ml/€ di mancato gettito per le casse statali. Secondo una nostra stima a Roma la cifra del volume d’affari dell’abusivismo non è inferiore ai 500 milioni di euro. E che dire dei numeri di chi opera abusivamente: un esercito che raggiunge a Roma, numeri che parlano da soli: da stime largamente condivise emerge che sono circa 20.000 gli abusivi che operano nella città.

Sulla contraffazione, l’altra faccia della medaglia, dal rapporto di SOS impresa Confesercenti, confermata recentemente anche da altri importanti Enti di ricerca, si è stimato un volume di affari che in Italia supera i 7 mld di Euro e di questi più di 2,3mld sono stati “incassati” nella nostra città, di cui il 50% del solo settore moda.

Uno spaccato che merita un serio approfondimento e un lavoro di concerto su più fronti.

 

Le chiediamo innanzitutto di investire nella promozione della città: solo dal contributo di soggiorno si incassano oltre 100 milioni di euro che andrebbero reinvestiti per sostenere politiche volte a rafforzare il turismo, la ricettività, le iniziative e le manifestazioni che rendono questa grande città viva e attiva. Siamo pronti a collaborare ma la città e le imprese non possono ancora attendere: occorre uno scatto d’orgoglio, di impegno concreto e fattivo.

 

Rilanciare progetti di riqualificazione urbana; far funzionare i servizi, dalla pulizia delle strade, alla raccolta dei rifiuti, al trasporto pubblico. In questo senso noi abbiamo proposto molti progetti di rete coinvolgendo oltre 1000 operatori  in molte strade e mercati della città e ci auguriamo che l’amministrazione ci aiuti a gestirli nel migliore dei modi e investa anch’essa in questa direzione.

 

Abbiamo proposto di alleggerire la pressione della tassazione locale tra le più alte d’Italia; di realizzare un serio piano dei mercati, in vero stato di abbandono mentre rappresentano una vocazione e peculiarità unica al mondo; di rivedere i piani di massima occupabilità (che sembrano essere stati pensati soltanto per prevedere la minima occupabilità, come se dessero fastidio i tavolini all’aperto, un aspetto che caratterizza i locali pubblici in tutte le metropoli e in particolare a Roma, grazie anche al clima e la vocazione turistica), strategica per i nostri locali, che invece vengono messi in condizione di sgombrare o rinunciare.


La Confesercenti di Roma è pronta a collaborare e chiede, non solo di essere ascoltata, ma un concreto e reale confronto, serio, con la città e le forze produttive per capire fino in fondo cosa si vuole fare di questi argomenti e se si condividono, come si intende procedere per cambiare e migliorare la città.

 
Si allo Stadio della Roma, no ad un nuovo centro commerciale PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 07 Febbraio 2017 10:03

uelza9ct0dmcea0ccvpv

Giammaria Confesercenti:

Si allo Stadio della Roma, ma no certamente a nuove cubature commerciali in deroga al PRG

“Nulla in contrario al nuovo Stadio della Roma, dichiara Valter Giammaria, Presidente della Confesercenti di Roma che è una opportunità di sviluppo, dunque si, ma un no secco a cubature commerciali per inaugurare un ennesimo centro commerciale in deroga al PRG di Roma. Una scelta che contrasterebbe decisamente la richiesta che come Confesercenti andiamo ripetendo da anni per salvare l’economia diffusa rappresentata dalle migliaia di piccole imprese commerciali della Capitale.”

“Piuttosto prosegue Giammaria, si metta mano al Piano Urbanistico Commerciale una volta per tutte e si cambi un modello di sviluppo distorto basato sulla proliferazione di grandi superfici di vendita e centri commerciali, che ha contribuito ad inginocchiare un tessuto fatto di negozi, prezioso per l’economia, la sicurezza e la vivibilità della nostra Capitale.”

 
Benzinai a Governo: no ad aumenti dei carburanti PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 03 Febbraio 2017 13:02

foto 3 

 

Le imposte italiane già superiori di 22,2 cent/litro sulla media europea.

Dagli aumenti di Monti famiglie ed imprese hanno già pagato oltre 26 miliardi di euro.

«Ci risiamo con il ricorso all’incremento delle accise sui carburanti: il classico metodo da bancomat per qualunque esigenza di finanza pubblica, che ora puntualmente – per un ammontare che è tutto da determinare entro un fabbisogno complessivo di 3,4 miliardi di euro - si ripete in presenza dei rilievi mossi dall’Unione Europea ai conti pubblici del Paese» così il commento, affidato ad un comunicato stampa, delle organizzazioni di categoria dei gestori degli impianti di distribuzione carburanti, FAIB Confesercenti, FEGICA Cisl e FIGISC/ANISA Confcommercio alle notizie che vengono da fonte ministeriale e che annunciano misure ulteriormente gravanti sui consumi del settore.

I gestori ricordano anzitutto al Governo che le imposte gravanti sui carburanti in Italia nella media dell’ultimo quinquennio (ossia dagli aumenti del «Salva Italia» del Governo Monti nel dicembre 2011) sono state superiori di ben 22,2 centesimi/litro alla media dell’Unione Europea, con un corrispondente effetto sul prezzo finale al consumo dei carburanti, e che le accise da allora non sono mai state rivedute al ribasso e che, anzi, l’aumento di un punto dell’IVA – che su di esse grava – ne ha ulteriormente accresciuto, dall’ultimo trimestre 2013 in poi, il peso sul prezzo finale corrisposto da famiglie ed imprese.

«Una manovra ulteriormente penalizzante sulle accise dei carburanti non potrà che deprimerne ulteriormente i consumi, continuamente in discesa dal 2011 – con l’unica eccezione del 2015 – acutizzando le difficoltà dell’industria della raffinazione e della distribuzione» denunciano FAIB Confesercenti, FEGICA Cisl e FIGISC/ANISA Confcommercio, che ricordano altresì che è stata l’elevata pressione fiscale – per la stessa ammissione del Governo - «a contribuire alla diffusione di quei fenomeni di illegalità nel settore petrolifero che l’inchiesta di Venezia ha nei giorni scorsi portato all’attenzione dei media e che, nonostante tutti i notevoli sforzi per contrastarla ed i risultati messi a segno, non potrà che trovare ulteriori stimoli da  un ennesimo aumento delle accise, con grave pregiudizio dell’Erario ed inquinamento del mercato».

Ragioni che suggeriscono alle organizzazioni di categoria dei gestori ad invitare il Governo «oltre a difendere in prima istanza le ragioni e le emergenze del Paese (migranti, sisma) nei confronti dell’Unione, ad evitare ulteriori grossolani interventi su un settore dei consumi che negli ultimi cinque anni ha già pagato oltre 25 miliardi di euro in più per effetto degli aumenti di accisa di cinque anni fa».     

 
Franchising: la rete di assitenza PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 24 Gennaio 2017 14:44

franchising

Franchising: si aggiorna la rete dei Franchising Point Federfranchising,

gli sportelli territoriali d’assistenza per imprenditori e startup

Ravecca: “Una rete d’assistenza capillare e permanente per favorire la crescita

del settore e la conversione delle attività tradizionali”

Si aggiorna la rete dei Franchising Point, gli oltre 120 sportelli messi a disposizione da Federfranchising presso le sedi di Confesercenti in tutta Italia, per assistere gli imprenditori che vogliono avvicinarsi al mondo del franchising. Una delle poche formule imprenditoriali che continua a crescere, anche nel 2016, perché permette la creazione di imprese più resistenti ed efficaci sul mercato.

I Franchising Point, lanciati nel 2008, forniscono informazioni sui diversi aspetti necessari per intraprendere la strada del franchising, dagli obblighi di Legge alla contrattualistica, dalla formazione all’accesso al credito ed alle relative garanzie sui finanziamenti. Sono anche un luogo dove incontrare professionisti esperti e ricevere indicazioni per fare il primo passo verso una nuova attività o per sviluppare una attività già avviata. Ma a partire da quest’anno, gli  sportelli si arricchiranno di nuovi servizi.

“Il nostro obiettivo è creare una rete permanente di Franchising Point - spiega Alessandro Ravecca - l’unica distribuita capillarmente su tutto il territorio nazionale, per offrire un’assistenza mirata a chi si avvicina al mondo del franchising o a chi vuole convertire la propria azienda tradizionale. Ma anche per promuovere i brand dei franchisor associati, valorizzare i franchisee meritevoli, favorire le esperienze multibrand e la sinergia tra i canali di retailing fisico ed online, che nel franchising trovano naturalmente una sintesi. Vogliamo, poi, mettere a sistema le informazioni del settore, per creare nuove opportunità di investimento, sostenendo l’internazionalizzazione delle nostre imprese. A partire dall’accesso al credito, per il quale Federfranchising, unica tra le associazioni del settore, è in grado di fornire tutto il supporto necessario per le pratiche di accesso e l’avvio dell’attività in franchising, grazie alla Società Italia Comfidi di Confesercenti”.

Ultimo aggiornamento Martedì 24 Gennaio 2017 14:52
 
Abruzzo: situazione drammatica. Economia al tracollo. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 19 Gennaio 2017 17:03

abruzzo conf

Abruzzo: Confesercenti, situazione drammatica. Economia verso tracollo, aprire stato di crisi: necessari interventi urgenti e straordinari, a rischio imprese e posti di lavoro

Vivoli:  avviato piano finanziamenti per garantire credito a tasso zero alle PMI

 

La situazione dell’Abruzzo è sempre più grave. I tragici danni causati dalle ultime scosse di terremoto hanno complicato infatti un quadro già drammatico da almeno una settimana. Sono moltissimi gli imprenditori ed i cittadini che ci segnalano di essere bloccati da giorni a causa dell’eccezionale ondata di maltempo che si è abbattuta sulla Regione.  Neve e alluvioni hanno interrotto non solo l’agibilità delle vie di comunicazione, ma anche l’elettricità in molte zone, con enormi danni per i magazzini di merci deperibili e per gli animali negli allevamenti. Nelle principali città, inoltre, sono moltissimi i negozi che ormai sono inagibili a causa del gelo o delle esondazioni. L’economia del territorio è bloccata: tutto si è fermato, dai saldi – che valgono il 30% del fatturato dei negozianti, quest’anno perso per sempre – al commercio alimentare, per non parlare del turismo e delle altre attività produttive.

“L’Abruzzo versa in condizioni estremamente difficili. Per questo la giunta di Confesercenti – spiega il Presidente Nazionale dell’associazione Massimo Vivoli – ha avviato un piano di finanziamento per garantire la disponibilità di credito a tasso zero alle PMI colpite, per una somma complessiva di 10 milioni di euro. Ma sono state avviate anche altre iniziative, come la distribuzione gratuita di pane e prodotti da forno da parte di Fiesa Assopanificatori Confesercenti Abruzzo. Dobbiamo, però, tutti impegnarci a fondo per sostenere una Regione che ha bisogno di urgenti interventi straordinari. Per questo chiediamo con forza di aprire lo stato di crisi: le imprese, in particolare le piccole, sono al collasso. Servono misure ad hoc ed indennizzi per le PMI del commercio, del turismo, dei servizi e dell’artigianato, per fermare il tracollo ed evitare l’annichilimento dell’economia regionale”.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 80

innova energia

logo new

export

Cerca nel sito

Newsletter



Acconsento al trattamento dei miei dati personali (dlgs. 196 del 30/Giugno/2003)

Accesso riservato ai soci

Luglio 2017 Agosto 2017
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31

Eventi in Programma

Non ci sono eventi in programma
Consulta il Calendario