Notizie Flash

  1. LAZIO SENZA MAFIE: il patto sottoscritto dalle Associazioni e dalla Regione Lazio per contrastare le infiltrazioni mafiose nel tessuto economico e sociale della Regione. ASSEMBLEA SOS IMPRESA - RETE PER LA LEGALITA'

    Protocollo LAZIO SENZA MAFIE

     

    CRIMINALITA’: ASSEMBLEA SOS IMPRESA-RETE PER LA LEGALITA’ - 2 Luglio 2015

    Siglato accordo Confesercenti Lazio e Agenzia delle Entrate Lazio

    Protocollo d'intesa

    La Confesercenti Regionale del Lazio ha sottoscritto un importante protocollo d'intesa con l'Agenzia delle Entrate del Lazio avente ad oggetto l'utilizzo delle migliori iniziative per...

  2. Diventa Imprenditore

     Diventa Imprenditore, crea una nuova azienda

    Con Confesercenti Roma utilizzando il Bando

    Start Up della Camera di Commercio, contributi

    fino a 2.500 euro per l'avvio di impresa

    Per informazioni contatta il C@t,...

Home Blog sezione
Convegno Anva Confesercenti sulla Bolkestein a Frosinone. Nasce la nuova Confesercenti del territorio PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 16 Giugno 2016 11:30

frosinone 1

Nella giornata del 15 giugno scorso, nella sala Convegni della Camera di commercio di Frosinone, in Viale Roma, in occasione del convegno dell’Anva, l’Associazione Nazionale Venditori Ambulanti, promosso per illustrare agli operatori e amministratori locali le novità per la categoria introdotte con la Direttiva Europea Servizi, meglio nota come Direttiva Bolkestein, che entrerà in vigore nel 2017, è stata definitivamente formalizzata  la nascita della nuova Confesercenti di Frosinone, che opera sul territorio grazie all’apporto di un nuovo gruppo dirigente e con una propria sede territoriale.

All’incontro sul tema in discussione hanno preso parte il Presidente della Camera di Commercio, Marcello Pigliacelli, il Coordinatore Nazionale Anva, Adriano Ciolli, il Presidente della Confesercenti di Frosinone e regionale del Lazio per l’Anva, Fiorino Tolassi e il Presidente della Confesercenti di Roma, Valter Giammaria.

L’incontro ha permesso di focalizzare le questioni sul tappeto circa le concessioni e sottolineare le prospettive di professionalità e regolarità delle singole imprese del settore, contrastando l’abusivismo che rappresenta la vera minaccia per il futuro delle attività degli operatori su area pubblica. Al termine un gruppo di operatori ha costituito formalmente il nuovo gruppo dirigente della confederazione nell’area provinciale.

foto 2 Frosinonefa51ec8d 4074 4115 a11c 5fe21467076d

 
Fondo Futuro: 35 milioni per il microcredito, l'iniziativa della Regione Lazio PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 10 Giugno 2016 11:31

microcredito

Fonte: regione.lazio.it

La Regione sostiene imprese esistenti, nuovi progetti e nuove esperienze imprenditoriali con 35 milioni di euro di risorse. L’obiettivo è dare un’opportunità a chi ha un’idea imprenditoriale ma ha difficoltà di accesso al credito bancario. La Regione sostiene imprese esistenti, nuovi progetti e nuove esperienze imprenditoriali. 09/06/2016 - Presentato oggi ‘Fondo Futuro’, il fondo regionale per il microcredito e la microfinanzaattraverso il quale la Regione mette a disposizione 35 milioni di euro di risorse del Fondo Sociale Europeo 2007-2013. Circa 3.500 i progetti che saranno realizzati. Il fondo sarà accessibile fino al 14 ottobre 2016 e mette a disposizione finanziamenti a tasso agevolato per chi ha un’idea imprenditoriale ma ha difficoltà di accesso al credito bancario.

La Regione sostiene imprese esistenti, nuovi progetti e nuove esperienze imprenditoriali.  La Regione mette a disposizioneprestiti a tasso agevolato dell’1% per sostenere microimprese costituende o costituite e titolari di partita IVA, con difficoltà di accesso al credito bancario ordinario per finanziare progetti di autoimpiego, avvio di nuove imprese o la realizzazione di nuovi progetti promossi da imprese esistenti.

A chi si rivolge il programma?

  • microimprese, in forma di società cooperative, società di persone e ditte individuali, costituite e già operanti, ovvero in fase di avvio di impresa che abbiano o intendano aprire sede operativa nella regione Lazio;

  • soggetti titolari di partita IVA, anche non iscritti ad albi professionali, con domicilio fiscale nella regione Lazio. Sono escluse le società di capitali e i soggetti che negli ultimi cinque anni presentino “anomalie bancarie” .

I giovani sono i primi destinatari di questo progetto. La Regione mette a disposizione 3 milioni di euro per i giovani fino a 35 anni e 2 milioni per gli over 50. Un elemento, importante, inoltre, è rappresentato dalla coerenza con altre azioni promosse dalla Regione per i giovani: altri infatti 5mln sono destinati a progetti d’impresa di chi ha partecipato ad alcune importanti iniziative sostenute dalla Regione in questi mesi, come Torno subito, In Studio e Coworking. Un modo concreto per stare vicino ai giovani e garantire loro un’opportunità anche dopo che hanno terminato esperienze importanti di formazione. E ancora: 5 milioni per i soggetti economicamente più deboli, con reddito inferiore ai 21.000 euro (per 5mln); 5 milioni per i lavoratori svantaggiati; 15 milioni sono destinati a tutti gli altri.

 

I progetti idonei potranno beneficiare di prestiti di importo compreso tra 5.000 e 25.000 euro, da restituire al tasso di interesse dell’1%, con una durata da definire caso per caso e comunque non oltre gli 84 mesi, incluso l’eventuale preammortamento. Sono ammissibili le spese relative al progetto presentato, che andrà realizzato entro 12 mesi dall’ottenimento del prestito

Per consultare il bando e per tutte le info vai qui

“Fondo Futuro è una rivoluzione, perché permette l'accesso al credito a un tasso dell'1% a tutte quelle piccole e nuove imprese che per il sistema attuale non sono bancabili, che non potrebbero mai ottenere un accesso al credito per avviare o sostenere un'impresa – lo ha detto il presidente, Nicola Zingaretti, che ha aggiunto: il fondo non richiede né garanzie personali, né garanzie particolari: si tratta di fondi europei che stavano tornando a Bruxelles e che abbiamo rimodulato per aiutare chi vuole fare impresa in questa Regione forte della propria voglia di produrre, scommettere, creare nuove aziende, locali o attività e che finora non aveva opportunità di poterlo fare, perché il sistema di credito tradizionale non glielo consentiva”.

" Per noi l'apertura alle partite iva, al lavoro autonomo di seconda o di terza generazione, ai creativi del lavoro immateriale è un grande segnale di attenzione. C'è sia il mondo più tradizionale, dal commercio alla manifattura, all'artigianato, ma anche quello delle partite iva- è il commento del vicepresidente, Massimiliano Smeriglio. C'è un'attenzione particolare per le nuove generazioni, una ossessione per la Regione Lazio: c'è una azione sull'inclusione sociale, sugli over 50 che hanno perso il lavoro, ma anche per target più generici. La possibilità di accedere al credito e realizzare un'idea di impresa rafforza le opportunità della singola persona e rafforza anche la Regione Lazio" – ha detto ancora Smeriglio.

Per ogni esigenza, approfondimento o accedere alle misure finanziarie è possibile rivolgersi in Confesercenti - Ufficio Credito 

Ultimo aggiornamento Venerdì 10 Giugno 2016 11:39
 
"Dacci oggi il nostro pane quotidiano": panificatori Confesercenti in piazza per il Giubileo PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 10 Giugno 2016 11:23

pane_donare

 

 

 

 

 

 

I saperi ed i sapori della panificazione italiana incontrano i pellegrini. Fiesa Assopanificatori, l’Associazione dei Panificatori e Pasticceri aderenti alla Confesercenti, in occasione del Giubileo della Misericordia, ha organizzato l’Iniziativa “Dacci oggi il nostro pane quotidiano”, che vedrà la distribuzione gratuita di pane italiano ai pellegrini, in Largo Giovanni XXIII a Roma, in un ‘villaggio del pane’, allestito nella Piazza in prossimità del Gazebo della Misericordia. L’inaugurazione dell’iniziativa è fissata per

Martedì 14 giugno alle ore 11
Largo Giovanni XXIII, Roma

E’ confermata la presenza di S.E. Mons. Rino Fisichella, Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, dell’On. Giuseppe Romanini, membro della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati e promotore dell’iniziativa legislativa di tutela del pane fresco, del Presidente di Confesercenti Nazionale Massimo Vivoli, del Presidente Confesercenti Provinciale di Roma Valter Giammaria e del Presidente di Fiesa-AssopanificatoriDavide Trombini. Prevista inoltre la partecipazione di Parlamentari, esponenti della Camera di Commercio, della società civile e militare.

“Siamo onorati – spiega Trombini – che la nostra proposta sia stata accolta con piacere dal Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, che ha apprezzato un Progetto che si propone di dare un servizio a sostegno dei pellegrini, dando visibilità ai prodotti locali e al mercato artigianale legato alla produzione del pane, che costituisce una  parte importante della filiera agro-alimentare italiana, un mestiere antico dall’alto valore economico e sociale”.

L’iniziativa coinvolgerà oltre 50 imprese della panificazione, provenienti da diverse Regioni italiane (tra cui Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata e Calabria) che distribuiranno ai pellegrini cinque quintali di pane al giorno, e si concluderà sabato 18 con la partecipazione dei panificatori Fiesa all’udienza papale, dove una delegazione consegnerà al Santo Padre una copia della Madonna del Crivelli. Il ricavato delle offerte libere che i pellegrini vorranno lasciare sarà destinato all’Opera di Carità di Papa Francesco per il Giubileo della Misericordia, consistente nella costruzione di una scuola di agraria nel Burkina Faso.

Fonte: confesercenti.it

 
Turismo, Esercizi pubblici e Centri storici: la Tavola Rotonda Confesercenti Fiepet PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 31 Maggio 2016 12:13

tav_rot30052016

 

 

 

 

 

Fonte: confesercenti.it

Concertazione, programmazione, condivisione. Sono queste le parole d’ordine emerse questa mattina nella tavola rotonda su “Esercizi Commerciali e centri storici” nel corso della quale sono state evidenziate le criticità del rapporto tra pubblici esercizi ed istituzioni per il superamento delle problematiche che stanno portando sempre più numerose chiusure nel settore ed alla desertificazione dei centri urbani.

“L’Italia, con i suoi centri storici e la sua ricchezza artistica e culturale – ha spiegato Esmeralda Giampaoli, presidente della Fiepet-Confesercenti – esercita un enorme fascino sui turisti nazionali ed internazionali, ma spesso le limitazioni imposte ai pubblici esercizi impediscono di dare risposte adeguate alle richieste della clientela. La questione dei tavolini selvaggi e dell’inquinamento acustico, legato alla movida, che ogni anno, soprattutto in questo periodo, riesplode ne è un esempio lampante. I turisti che vengono nel nostro Paese vogliono provare le specialità enogastronomiche, ma chiedono di farlo all’aperto per poter contemporaneamente godere del contesto e delle bellezze che il territorio è in grado di offrire. Spesso però – ha aggiunto – la difficoltà di trovare un’intesa con le istituzioni locali rende difficoltoso pianificare l’attività di somministrazione all’aperto dei pubblici esercizi, creando invece delle vere e proprie battaglie che di anno in anno si ripetono, causando chiusure di locali, riduzione degli occupati ed anche un freno alla domanda turistica”.

“Tutto questo – ha precisato Valter Giammaria, presidente della Confesercenti di Roma – trova la sua massima espressione proprio nella capitale, dove il problema degli spazi all’aperto rappresenta per molti pubblici esercizi del centro storico una forte limitazione. Non abbiamo mai chiesto e non chiediamo un “far west” senza regole e controlli, ma vorremmo avere la possibilità di disciplinare questo aspetto con le istituzioni, nel rispetto della città e dei cittadini, ma dando la possibilità alle imprese di lavorare e di rispondere alle richieste soprattutto del turismo internazionale”.

Il ruolo e l’importanza dell’industria turistica quale motore dell’economia è stato evidenziato dal sottosegretario al Mibact, Dorina Bianchi: “il nostro Paese – ha sottolineato in un messaggio –  è al quinto posto nelle classifiche mondiali per flussi turistici e , secondo le ultime stime del World Travel and Tourism Council, il comparto rappresenta il 10,3% del Pil nazionale, affermandosi quale volano economico e generatore di crescita. L’impatto economico del turismo – ha aggiunto – si riflette in maniera rilevante sul mondo del lavoro, con oltre 2,6 milioni di posti direttamente e indirettamente generati nel 2013, pari all’11,6% dell’occupazione totale. La valorizzazione dei centri storici può dunque rappresentare un fattore attrattivo anche in chiave turistica e di sviluppo, riconoscendo i pubblici esercizi quali strumenti di innovazione. Senza dubbio, riveste carattere di fondamentale rilievo l’attività di programmazione delle Amministrazioni locali, attraverso azioni ed interventi coordinati. E’ evidente – ha concluso il sottosegretario – la necessità di un’armonizzazione della normativa territoriale ed una semplificazione che consenta interpretazioni uniche che limitino le eventuali discordanze tra amministrazioni locali”.

Piazza.navona.in.rome.arp.jpg

Ultimo aggiornamento Mercoledì 01 Giugno 2016 11:05
 
Più diritti, meno sprechi: Confesercenti e Federconsumatori insieme PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 20 Maggio 2016 13:38

shopping P

“Più diritti, meno sprechi”: Confesercenti e Federconsumatori

insieme per la tutela di cittadini e imprese ed il rilancio di commercio e turismo

Un nuovo fondo di garanzia per la tutela dei viaggiatori; ma anche uffici di conciliazione imprese-consumatori, un’app contro frodi e abusivismo online, ed una piattaforma per la vendita scontata, a fine giornata, dei prodotti alimentari deperibili: un modo per aiutare le persone in difficoltà e per contrastare gli sprechi, che in Italia fanno finire ogni anno oltre 35 miliardi di euro di alimenti nella pattumiera. Sono alcune delle iniziative previste dall’intesa sottoscritta da Confesercenti e Federconsumatori per la tutela dei cittadini e delle imprese commerciali e turistiche. Il protocollo sarà presentato alla stampa

Mercoledì 25 maggio alle ore 11.30

Presso la sede di Confesercenti Nazionale,

Via  Nazionale 60, Roma

L’intesa nasce dalla convinzione condivisa da Confesercenti e Federconsumatori che un maggior impegno a favore dei diritti dei consumatori e delle imprese e nel contrasto di abusivismo e sprechi non possa che avere un effetto positivo anche sulla fiducia e sui consumi degli italiani, ancora a terra dopo una crisi che ha bruciato circa 60 miliardi di spesa delle famiglie.

L’iniziativa di Confesercenti e Federconsumatori si muove dunque all’interno di un quadro condiviso nel quale i consumatori e gli imprenditori sono chiamati a svolgere un ruolo di coprotagonisti sui temi di interesse e di attualità per una moderna struttura commerciale, turistica e dei servizi: dai problemi legati a sicurezza e trasparenza e sicurezza  ai pagamenti elettronici e al dialogo tra imprese e consumatori, fino alla costruzione di indicatori di valutazione della “customer satisfaction” e alla previsione di fondi di garanzia che intervengono a tutela delle buone prassi economiche tra imprese e consumatori.

Alla conferenza di presentazione interverranno il Presidente di Confesercenti Nazionale Massimo Vivolied il Presidente di Federconsumatori Rosario Trefiletti. Prevista inoltre la partecipazione di Gianni Rebecchi, presidente nazionale di Assoviaggi, Davide Trombini, Presidente Fiesa-Assopanificatori, eMartino Landi, Presidente di Faib Confesercenti.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 75

innova energia

logo new

export

Cerca nel sito

Newsletter



Acconsento al trattamento dei miei dati personali (dlgs. 196 del 30/Giugno/2003)

Accesso riservato ai soci

Settembre 2016 Ottobre 2016
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30

Eventi in Programma

Non ci sono eventi in programma
Consulta il Calendario