Notizie Flash
  1. Presidenza Regionale della Confesercenti del Lazio

    E' convocata la Presidenza regionale del Lazio che si terrà il 23 luglio 2013 alle ore 13.30 presso la sede dell'associazione a Roma in Via Messina 19.


  2. Presidenza Provinciale Confesercenti Roma

    E' convocata la Presidenza della Confesercenti Provinciale di Roma che si terrà il 22 luglio 2013 alle ore 13.30 presso la sede dell'associazione a Roma in Via Messina 19.


  3. Assemblea Elettiva - Proposta di Delibera convocazione Assemblea Elettiva 2013

    Proposta di Delibera: convocazione Assemblea Elettiva 2013

     

    La Confesercenti Provinciale di Roma

    CONSIDERATA

    la riunione della Presidenza Provinciale del 09.04.2013 giusto apposito punto...

  1. LAZIO SENZA MAFIE: il patto sottoscritto dalle Associazioni e dalla Regione Lazio per contrastare le infiltrazioni mafiose nel tessuto economico e sociale della Regione. ASSEMBLEA SOS IMPRESA - RETE PER LA LEGALITA'

    Protocollo LAZIO SENZA MAFIE

     

    CRIMINALITA’: ASSEMBLEA SOS IMPRESA-RETE PER LA LEGALITA’ - 2 Luglio 2015

    Siglato accordo Confesercenti Lazio e Agenzia delle Entrate Lazio

    Protocollo d'intesa

    La Confesercenti Regionale del Lazio ha sottoscritto un importante protocollo d'intesa con l'Agenzia delle Entrate del Lazio avente ad oggetto l'utilizzo delle migliori iniziative per...

  2. Diventa Imprenditore

     Diventa Imprenditore, crea una nuova azienda

    Con Confesercenti Roma utilizzando il Bando

    Start Up della Camera di Commercio, contributi

    fino a 2.500 euro per l'avvio di impresa

    Per informazioni contatta il C@t,...

Home Blog sezione
Energy Tari Day: Il 25 Ottobre in Confesercenti l'appuntamento con il risparmio energetico PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 13 Ottobre 2017 11:03

VETROFANIA ENERGY DAY 2016

L'appuntamento per le imprese è in Via Messina 30, sc A 2° piano dalle ore 9,30 alle ore 17,00

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 13 Ottobre 2017 11:12
 
Associazionismo, Banche e Credito: il Fondo Centrale di garanzia come strumento per favorire l’accesso al credito delle PMI. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 31 Luglio 2017 11:28

terracina_2_2.jpg

Associazionismo, Banche e Credito: il Fondo Centrale di garanzia come strumento per favorire l’accesso al credito delle PMI.

Con questo obiettivo, si sta svolgendo oggi a Terracina (LT) l'incontro promosso dalla Confesercenti del Lazio in collaborazione con i responsabili del credito che operano con l'organizzazione nazionale di Confesercenti, rete commerciale ATS.
Il punto riguarda in particolare il rapporto Banche- Imprese nel contesto del nuovo modello di rating del Fondo di Garanzia per le PMI e il ruolo dell’educazione finanziaria.
Presso i locali del Ristorante Porto Salvo, in Via Appia Km 102, i presenti hanno posto all'attenzione delle imprese e dei professionisti presenti la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del Decreto che dispone il riordino della normativa del Fondo Centrale di Garanzia per le PMI.
Si tratta, è stato detto dal Direttore di Confesercenti Lazio, Cosimo Peduto, che ha aperto i lavori, a cui ha fatto eco il Presidente della Confesercenti del Lazio, Valter Giammaria , nel suo intervento, di una riforma estremamente importante che interessa non soltanto gli operatori del settore finanziario (intermediari ed Istituti di Credito) ma, cosa che più riguarda la Confesercenti, le Micro, Piccole e Medie Imprese. 
L'iniziativa della Confesercenti Regionale del Lazio, si svolge nel quadro delle iniziative di presentazione del suo nuovo assetto organizzativo in Provincia di Latina.
Per questa ragione ha organizzato l'appuntamento odierno per presentare i nuovi servizi associativi e di assistenza finanziaria a supporto delle imprese pontine, e con esse avviare una riflessione sugli effetti di medio periodo che la riforma comporta.
Partecipano il dott. Silviano Di Pinto, responsabile della rete commerciale di ATS /Confesercenti Nazionale ed il Dott. Paolo Carini della Luiss Business School, che sono entrati nel merito delle problematiche di credito delle imprese esaminate alla luce delle recenti disposizioni.
Sono presenti ai lavori i Dottori Commercialisti e gli Istituti bancari del territorio, le Amministrazioni locali, le forze economiche e produttive oltre che le imprese aderenti.
Ultimo aggiornamento Lunedì 31 Luglio 2017 11:52
 
Lavoro Occasionale: i nuovi voucher non sono come i vecchi PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 25 Luglio 2017 15:39

f24 on line

LAVORO OCCASIONALE ?

I NUOVI VOUCHER NON SONO COME I VECCHI VOUCHER

  • Per le imprese si concretizzano nel contratto di prestazione occasionale.
  • Solo le imprese con meno di 5 dipendenti li possono fare.
  • Ogni impresa può utilizzare questo contratto per un importo non superiore ai 5000€/annui per tutti i lavoratori utilizzati
  • Ogni lavoratore può guadagnare un massimo di 2500€ per ciascuna impresa e, massimo 5000€ da parte delle imprese per cui lavora.
  • Ciascun lavoratore può essere utilizzato per un massimo di 280 ore nell’anno civile.
  • Non si può fare il contratto di prestazione occasionale con lavoratori che abbiano in corso con l’impresa un rapporto di lavoro subordinato o di Co.Co.Co.  o che l’abbiano avuto nei 6 mesi precedenti.
  • Il compenso è fissato dalle parti con un minimo stabilito per legge di 9 € ogni ora, per un minimo di 4 ore al giorno per cui ogni ora costerà un totale di 12,30€ (9€+2,97€ per l’INPS e 0,32€ per l’INAIL + oneri di gestione)
  • Se viene superato il limite di 2500€ il rapporto occasionale  si trasforma automaticamente   in un rapporto di lavoro subordinato a tempo pieno e indeterminato.
  • Se viene superato il limite di 280 ore il rapporto occasionale  si trasforma automaticamente   in un rapporto di lavoro subordinato a tempo pieno e indeterminato.

Per attivare la prestazione di lavoro occasionale,

consulenze o informazioni scrivi a

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

oppure chiamaci allo 06.44250267 - 06.87606860

Ultimo aggiornamento Martedì 25 Luglio 2017 15:50
 
Giammaria Confesercenti: condivise le nuove linee guida per la sicurezza durante le manifestazioni PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 14 Luglio 2017 16:18

prefettura di Roma

Giammaria, Confesercenti: assolutamente condivisibile il Piano di governo e gestione delle manifestazioni pubbliche presentato dal Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica

 

Il Presidente della Confesercenti di Roma, Valter Giammaria, ha partecipato all’incontro del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica svoltosi presso la Prefettura di Roma il 13 luglio scorso e dallo stesso Prefetto Basilone presieduto, con all’ordine del giorno il governo e la gestione delle manifestazioni pubbliche.

Si tratta di linee guida aggiornate e dettagliate circa i rischi derivanti da eventi pubblici e le regole da adottare a secondo dei casi.

Linee guida articolate che classificano il livello del rischio e la strutturazione del sistema di gestione degli accessi, percorsi, capienze e suddivisione degli spazi, protezioni e gestione delle emergenze operate da addetti alla sicurezza appositamente formati.

Il Presidente della Confesercenti, Giammaria, ha espresso il suo apprezzamento per il lavoro svolto dalle forze dell’ordine, ritenendolo assolutamente necessario e di ausilio agli organizzatori di eventi e manifestazioni per effettuare una prima valutazione sui livelli di rischio, con lo scopo di evitare situazioni delicate o pericolose accadute anche di recente in alcune piazze del Paese.

Pertanto la Confesercenti è a disposizione di tutte le imprese, associazioni aderenti e con le quali collabora per far conoscere e approfondire i contenuti delle linee guida.

Ultimo aggiornamento Venerdì 14 Luglio 2017 16:28
 
Orafi: nuovo Decreto mette a rischio pmi PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 07 Luglio 2017 17:10

Orafi Confesercenti Roma: un nuovo decreto come una mannaia sulle piccole imprese

Dopo anni in cui la F.I.O.G Confesercenti  chiedeva una regolamentazione dl settore dei preziosi per governare il processo e le attività dei compra oro, arriva come una mannaia un decreto che di fatto ucciderà definitivamente un settore  fiore all’occhiello dell’intero Paese,  il settore degli orafi e gioiellieri culture millenarie del made in Italy.

Il Decreto Legislativo 92/2017, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 20 giugno scorso, stravolge il mercato legato ai preziosi usati.

Tra le novità: obbligo per gli esercenti di iscriversi in un apposito registro, aprire un conto corrente dedicato, "schedare" cliente e prezioso, segnalare operazioni sospette

Hanno prima creato un mercato a dir poco dubbio   lasciando operare decine di truffanti e ricettatori che hanno comunque coinvolto anche operatori seri, per poi infilare in un unico imbuto tutta la categoria.

La F.I.O.G. non ci sta e chiede a chi di competenza una immediata rivisitazione dl decreto che altrimenti creerebbe ulteriori danni economici ad un settore ormai in crisi da anni.

Le nuove disposizioni che disciplinano la compravendita e la permuta di oggetti preziosi usati nascono nell'intento di rendere tracciabile ogni passaggio di proprietà. "In realtà, il decreto avrebbe dovuto finalmente regolamentare i compro-oro, che nell'usato hanno il loro unico business. Invece, a sorpresa, il Governo ha rimescolato le carte e ha infilato tutte le attività di commercio di preziosi - non solo i compro-oro, nella nuova disciplina. Così, di fatto, congela il mercato dell'usato", sottolinea il presidente Mauro leoni

Un decreto che non debellerà il fenomeno  del riciclaggio e che viene approvato con una fretta inaudita. Perche?

Dal 5 luglio, in sintesi, se un gioielliere desidera continuare a fornire ai propri clienti servizi di permuta o sistemazione dei vecchi preziosi (anche solo sostituire una chiusura difettosa) deve iscriversi ad un apposito registro degli operatori; dotarsi di un conto corrente bancario o postale dedicato a questo tipo di transazioni; identificare il cliente; quotare e descrivere l'oggetto prezioso scambiato, anche mediante documentazione fotografica; segnalare all'UIF (Unità d'Informazione Finanziaria) le operazioni sospette.
Dovrà poi annotare l'eventuale cessione dell'oggetto a fonderie e conservare due fotografie del prezioso acquisito. Il decreto cambia anche la soglia per l'uso del contante ammesso per i preziosi usati, che si abbasserà da 1.000 a 500 euro.

Completa l'intervento legislativo un impianto sanzionatorio assolutamente sproporzionato, che prevede, fra l'altro, una multa da 2.000 a 10.000 euro e la reclusione da sei mesi a quattro anni per l'esercizio abusivo dell'attività di compro oro senza iscrizione al Registro nazionale; una sanzione da 1.000 a 10.000 euro per l'omessa identificazione del cliente e una sanzione da 5.000 a 50.000 euro per l'omessa segnalazione di operazione sospetta".

Percio’ al danno anche la beffa!  Serve intervenire immediatamente al fine di garantire quella professionalità che ci contraddistingue da  decenni .

Basta con attacchi alla microimpresa e all’Italia che Lavora onestamente!!

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 80

innova energia

logo new

export

Cerca nel sito

Newsletter



Acconsento al trattamento dei miei dati personali (dlgs. 196 del 30/Giugno/2003)

Accesso riservato ai soci

Ottobre 2017 Novembre 2017
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

Eventi in Programma

Non ci sono eventi in programma
Consulta il Calendario