Notizie Flash
  1. Presidenza Regionale della Confesercenti del Lazio

    E' convocata la Presidenza regionale del Lazio che si terrà il 23 luglio 2013 alle ore 13.30 presso la sede dell'associazione a Roma in Via Messina 19.


  2. Presidenza Provinciale Confesercenti Roma

    E' convocata la Presidenza della Confesercenti Provinciale di Roma che si terrà il 22 luglio 2013 alle ore 13.30 presso la sede dell'associazione a Roma in Via Messina 19.


  3. Assemblea Elettiva - Proposta di Delibera convocazione Assemblea Elettiva 2013

    Proposta di Delibera: convocazione Assemblea Elettiva 2013

     

    La Confesercenti Provinciale di Roma

    CONSIDERATA

    la riunione della Presidenza Provinciale del 09.04.2013 giusto apposito punto...

  1. LAZIO SENZA MAFIE: il patto sottoscritto dalle Associazioni e dalla Regione Lazio per contrastare le infiltrazioni mafiose nel tessuto economico e sociale della Regione. ASSEMBLEA SOS IMPRESA - RETE PER LA LEGALITA'

    Protocollo LAZIO SENZA MAFIE

     

    CRIMINALITA’: ASSEMBLEA SOS IMPRESA-RETE PER LA LEGALITA’ - 2 Luglio 2015

    Siglato accordo Confesercenti Lazio e Agenzia delle Entrate Lazio

    Protocollo d'intesa

    La Confesercenti Regionale del Lazio ha sottoscritto un importante protocollo d'intesa con l'Agenzia delle Entrate del Lazio avente ad oggetto l'utilizzo delle migliori iniziative per...

  2. Diventa Imprenditore

     Diventa Imprenditore, crea una nuova azienda

    Con Confesercenti Roma utilizzando il Bando

    Start Up della Camera di Commercio, contributi

    fino a 2.500 euro per l'avvio di impresa

    Per informazioni contatta il C@t,...

Home Blog categoria
Bando Start Up - Edizione 2017 PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 06 Aprile 2017 12:58

start2

Fonte Camera di Commercio di Roma

La Camera di Commercio di Roma, nell’ambito delle proprie finalità di sostegno allo sviluppo economico e occupazionale del territorio provinciale, con particolare attenzione al supporto di quelle categorie che tradizionalmente risultano svantaggiate, quali le nuove realtà in fase di creazione e di avvio di impresa, alla luce dell’attuale congiuntura recessiva che il sistema economico dell’intero Paese sta attraversando, ha adottato la presente misura per sostenere lo start up aziendale, abbattendone i costi ed incentivando la concretizzazione di idee imprenditoriali e la nascita di nuove imprese, al fine di sostenere la ripresa della produttività, la crescita e lo sviluppo economico del territorio.

La misura, a supporto dei processi di creazione e avvio di una nuova attività d’impresa, consiste in un contributo a favore di aspiranti imprenditori per il costo di taluni servizi per la costituzione di una nuova impresa.

In particolare, prevede l’abbattimento del costo del servizio di accompagnamento da erogarsi a favore dell’aspirante imprenditore, fino ad un massimo di Euro 2.500,00 al netto dell’IVA, ovvero fino ad un massimo di Euro 3.000,00 al netto dell’IVA nel caso di costituzione di società di capitali.

Per ogni esigenza o per accedere all'opportunità concessa dalla misura camerale rivolgersi al C.A.T. Confesercenti di Roma - "Bando Start Up"

C.A.T. DI CONFESERCENTI ROMA S.r.l.Via Messina, 19
00198 Roma
Tel. 06.44250267 – fax 06.44250268
E-mail:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  - PEC:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Orari di apertura: da Lunedì a Venerdì 8.30 – 17.30 previo appuntamento
Riferimento: Anna Elisa Mainero

Viale Bruno Buozzi, 31
00015 Monterotondo (RM)
Tel. 06.90625474 – fax 06.9066068
E-mail:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Orari di apertura: da Lunedì a Giovedì 8.30 - 13.00 / 14.30 - 17.30 previo appuntamento
Riferimento: Paola Bonomo

 

Maggiori informazionihttp://www.rm.camcom.it/pagina82_altri-bandi-e-avvisi.html

Ultimo aggiornamento Martedì 02 Maggio 2017 15:53
 
Certezze per gli ambulanti: milleproroghe è legge PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 13 Marzo 2017 12:38

Certezza per gli ambulanti, concessioni almeno fino al 2031

 

 

 

 

 

 

 

Fonte confesercenti.it

Il caos sulle concessioni del commercio ambulante sta per finire. «Il milleproroghe è diventato legge, confermando così la validità delle procedure per il rinnovo delle concessioni che sono già state avviate da moltissimi Comuni in tutta Italia. È un primo importante passo verso la sicurezza degli imprenditori». È finalmente soddisfatto Maurizio Innocenti, Presidente di Anva, l’ associazione nazionale dei venditori ambulanti, che ieri ha avuto un incontro al Ministero Sviluppo Economico.

Cosa cambia per il commercio su aree pubbliche? «Le imprese che hanno partecipato alle procedure non vedranno buttato il lavoro fatto. Adesso, nella stragrande maggioranza dei mercati del nostro Paese gli operatori potranno contare su una concessione che durerà perlomeno fino al 2031: hanno dunque di nuovo la possibilità, finalmente, di programmare la propria attività imprenditoriale».

Perché, si erano bloccati? «Si erano paralizzati. Per questo dico che avere la certezza della validità delle procedure è fondamentale per il settore, soprattutto in questo momento: la confusione cui abbiamo assistito negli ultimi mesi aveva congelato il commercio ambulante. Decine di migliaia di imprenditori non avevano più idea di quale sarebbe stata la loro sorte, se la loro attività sarebbe sopravvissuta o meno. Ora, invece, hanno una garanzia. E possiamo iniziare un percorso per mettere in sicurezza tutti gli imprenditori».

Cosa succederà dopo la scadenza delle concessioni? «Non riesco ad immaginare una qualsiasi tipologia di impresa che possa lavorare e prosperare con dei limiti temporali così definiti. Per questo, adesso che abbiamo visto confermare le procedure per gli ambulanti, continueremo a fare pressione perché Governo e Parlamento compiano atti concreti per escludere il commercio su aree pubbliche dal campo di applicazione della direttiva servizi, come chiediamo fin dal 2009. Però devono essere atti concreti, non la solita boutade dell’ approvazione di una mozione o di un ordine del giorno: fino ad ora ce ne sono stati 75, approvati da commissioni, regioni e quant’altro. Senza risultati reali per gli operatori».

Quali scenari futuri vede per i mercati e per le imprese ambulanti in generale? «Dobbiamo tracciare noi il nostro destino. Non vedo altre strade, però, se non una forte lotta all’abusivismo e al degrado. Due fenomeni strettamente legati fra loro e che stanno devastando il commercio su aree pubbliche, tra i comparti più colpiti. Attraverso l’ incrocio di banche dati istituzionali, abbiamo stimato che in Italia sono in attività circa 100mila irregolari: imprenditori che registrano la propria impresa alla Camera di Commercio ma che poi svaniscono nell’ombra, senza versare un euro di tasse o contributi. Un esercito di abusivi che chiaramente stanno creando gravissimi danni al mercato legale: basti pensare che, secondo le nostre stime, l’abusivismo sottrae agli operatori onesti circa 1,8 miliardi di euro ogni anno. Un’assenza di legalità inaccettabile: per ripartire, è necessario mettere in campo interventi consistenti, che ci permettano di mettere la parola fine alla questione abusivi».

Articolo di Damiana Verucci tratto da “Il Tempo” del 08-03-2017

 

 
8 Marzo: M'ILLUMINO D'IMPRESA PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 06 Marzo 2017 17:52

unnamed

 
XXVIII giornata della Guida Turistica, alla scoperta dei Mercati di Traiano PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 24 Febbraio 2017 16:16

mercati di traiano OTT

 

.

 

 

 

 

 

 

L’obiettivo dell’iniziativa è promuovere il territorio e il ruolo svolto dalle guide turistiche

Federagit Confesercenti l’associazione delle guide turistiche di Roma, comunica che come ogni anno, a febbraio si celebra in tutto il mondo la Giornata Internazionale della Guida Turistica (G.I.G.), istituita nel 1990 dalla World Federation of Tourist Guides Associations e promossa in Italia dalla (ANGT). Quest’anno è arrivata alla XXVIII edizione e si svolgerà il 26 di Febbraio ai Mercati di Traiano.

Tale iniziativa vede tradizionalmente impegnate le Associazioni di Categoria delle Guide Turistiche nell’offrire visite guidate gratuite nelle loro città. Attraverso queste visite si vuole far conoscere il ruolo svolto dalle guide turistiche nella corretta conoscenza del patrimonio culturale e nella promozione del territorio in cui operano. Le Guide Turistiche abilitate, quali ambasciatrici della propria città, nell’illustrare ai visitatori italiani e stranieri i nostri Beni Culturali, intendono favorire una coscienza diffusa della necessità della loro tutela.

Brocchi coordinatore di categoria e segretario Assoturismo Roma: ” E’ doveroso per noi, attraverso la nostra associazione, promuovere le bellezze di questa città, in primis perché gli eventi dedicati a queste attività sono pochissimi, almeno nella bassa stagione,  poi per rafforzare questa professione messa in crisi dalle direttive europee”.

 Residenti e non saranno condotti alla scoperta di uno dei siti più affascinanti della Roma antica dalle guide Federagit Roma.

Il sito archeologico faceva parte del Foro di Traiano, con sale destinate a funzioni amministrative del Foro. Altre sale lungo le antiche strade, destinate a tabernae, ci suggeriscono squarci di vita quotidiana degli antichi romani. Il complesso ospita il Museo dei Fori Imperiali; i resti della decorazione scultorea restituiscono la percezione dell’aspetto monumentale dei Fori, strumenti della propaganda imperiale. Da alcune terrazze si gode un magnifico panorama sui Fori.
Negli spazi dei Mercati di Traiano, è ospitata la Mostra di Arte Contemporanea “Lapidarium” del messicano Aceves che propone un dialogo tra l’antico e la cultura contemporanea.

Il biglietto di ingresso ai Mercati di Traiano è a pagamento : 11,00 € (sconti e gratuità di legge). Non c’è bisogno di prenotazione.

 
Benzinai a Governo: no ad aumenti dei carburanti PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 03 Febbraio 2017 13:02

foto 3 

 

Le imposte italiane già superiori di 22,2 cent/litro sulla media europea.

Dagli aumenti di Monti famiglie ed imprese hanno già pagato oltre 26 miliardi di euro.

«Ci risiamo con il ricorso all’incremento delle accise sui carburanti: il classico metodo da bancomat per qualunque esigenza di finanza pubblica, che ora puntualmente – per un ammontare che è tutto da determinare entro un fabbisogno complessivo di 3,4 miliardi di euro - si ripete in presenza dei rilievi mossi dall’Unione Europea ai conti pubblici del Paese» così il commento, affidato ad un comunicato stampa, delle organizzazioni di categoria dei gestori degli impianti di distribuzione carburanti, FAIB Confesercenti, FEGICA Cisl e FIGISC/ANISA Confcommercio alle notizie che vengono da fonte ministeriale e che annunciano misure ulteriormente gravanti sui consumi del settore.

I gestori ricordano anzitutto al Governo che le imposte gravanti sui carburanti in Italia nella media dell’ultimo quinquennio (ossia dagli aumenti del «Salva Italia» del Governo Monti nel dicembre 2011) sono state superiori di ben 22,2 centesimi/litro alla media dell’Unione Europea, con un corrispondente effetto sul prezzo finale al consumo dei carburanti, e che le accise da allora non sono mai state rivedute al ribasso e che, anzi, l’aumento di un punto dell’IVA – che su di esse grava – ne ha ulteriormente accresciuto, dall’ultimo trimestre 2013 in poi, il peso sul prezzo finale corrisposto da famiglie ed imprese.

«Una manovra ulteriormente penalizzante sulle accise dei carburanti non potrà che deprimerne ulteriormente i consumi, continuamente in discesa dal 2011 – con l’unica eccezione del 2015 – acutizzando le difficoltà dell’industria della raffinazione e della distribuzione» denunciano FAIB Confesercenti, FEGICA Cisl e FIGISC/ANISA Confcommercio, che ricordano altresì che è stata l’elevata pressione fiscale – per la stessa ammissione del Governo - «a contribuire alla diffusione di quei fenomeni di illegalità nel settore petrolifero che l’inchiesta di Venezia ha nei giorni scorsi portato all’attenzione dei media e che, nonostante tutti i notevoli sforzi per contrastarla ed i risultati messi a segno, non potrà che trovare ulteriori stimoli da  un ennesimo aumento delle accise, con grave pregiudizio dell’Erario ed inquinamento del mercato».

Ragioni che suggeriscono alle organizzazioni di categoria dei gestori ad invitare il Governo «oltre a difendere in prima istanza le ragioni e le emergenze del Paese (migranti, sisma) nei confronti dell’Unione, ad evitare ulteriori grossolani interventi su un settore dei consumi che negli ultimi cinque anni ha già pagato oltre 25 miliardi di euro in più per effetto degli aumenti di accisa di cinque anni fa».     

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 21

innova energia

logo new

export

Cerca nel sito

Newsletter



Acconsento al trattamento dei miei dati personali (dlgs. 196 del 30/Giugno/2003)

Accesso riservato ai soci

Maggio 2017 Giugno 2017
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

Eventi in Programma

Non ci sono eventi in programma
Consulta il Calendario