Notizie Flash
  1. Presidenza Regionale della Confesercenti del Lazio

    E' convocata la Presidenza regionale del Lazio che si terrà il 23 luglio 2013 alle ore 13.30 presso la sede dell'associazione a Roma in Via Messina 19.


  2. Presidenza Provinciale Confesercenti Roma

    E' convocata la Presidenza della Confesercenti Provinciale di Roma che si terrà il 22 luglio 2013 alle ore 13.30 presso la sede dell'associazione a Roma in Via Messina 19.


  3. Assemblea Elettiva - Proposta di Delibera convocazione Assemblea Elettiva 2013

    Proposta di Delibera: convocazione Assemblea Elettiva 2013

     

    La Confesercenti Provinciale di Roma

    CONSIDERATA

    la riunione della Presidenza Provinciale del 09.04.2013 giusto apposito punto...

  1. LAZIO SENZA MAFIE: il patto sottoscritto dalle Associazioni e dalla Regione Lazio per contrastare le infiltrazioni mafiose nel tessuto economico e sociale della Regione. ASSEMBLEA SOS IMPRESA - RETE PER LA LEGALITA'

    Protocollo LAZIO SENZA MAFIE

     

    CRIMINALITA’: ASSEMBLEA SOS IMPRESA-RETE PER LA LEGALITA’ - 2 Luglio 2015

    Siglato accordo Confesercenti Lazio e Agenzia delle Entrate Lazio

    Protocollo d'intesa

    La Confesercenti Regionale del Lazio ha sottoscritto un importante protocollo d'intesa con l'Agenzia delle Entrate del Lazio avente ad oggetto l'utilizzo delle migliori iniziative per...

  2. Diventa Imprenditore

     Diventa Imprenditore, crea una nuova azienda

    Con Confesercenti Roma utilizzando il Bando

    Start Up della Camera di Commercio, contributi

    fino a 2.500 euro per l'avvio di impresa

    Per informazioni contatta il C@t,...

Home Blog sezione Sondaggi Prezzi benzina: le quotazioni calano, i prezzi alla pompa meno
Prezzi benzina: le quotazioni calano, i prezzi alla pompa meno PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 31 Agosto 2015 16:49

 

 
 
 
 
 
 
Da una indagine svolta dalla Faib Confesercenti, prendendo a riferimento i prezzi e le quotazioni degli ultimi tre mesi dei carburanti, Giugno/Agosto, emerge una verità alquanto imbarazzante sulle dinamiche della composizione del prezzo finale che gli italiani devono pagare alla pompa.
Per assurdo, come viene dimostrato dai nostri elaborati, qualora i paesi produttori di greggio ci dovessero regalare la materia prima e quindi il barile a quotazione € 0,00 saremmo condannati a pagare- a costi di produzione/lavoro costanti e senza ulteriori aggravi- per ricoprire i costi della raffinazione, quelli dello stoccaggio e quelli della distribuzione primaria e secondaria, le accise e l'iva, la benzina a € 1,200 /lt e il gasolio a € 1,050 lt. Ma questa ipotesi, puramente accademica, in realtà non esiste e serve per far comprendere come dalla riduzione del costo del greggio nessuno si può attendere una riduzione percentuale di pari importo a quella registrata per la cessione del greggio, perché non si considera il dato dell’incomprimibilità di alcune voci della componente dei costi della benzina e del gasolio. Innanzitutto le accise e l’iva che da sole coprono il 63 e il 60 % medio dei prodotti petroliferi e sono sostanzialmente fissi, insensibili alle variazioni del prezzo del barile e del cambio euro/dollaro; stesso discorso per il costo industriale, per il quale alcune componenti sono fisse e concernono i costi della logistica e del funzionamento e il costo del lavoro e degli occupati nella filiera petrolifera. Anche questi sono costi insensibili alle variazioni dell’andamento del greggio. La parte variabile è esclusivamente quella legata al prezzo d’acquisto della materia prima che copre appena il 21% della benzina e il 25% del gasolio e in quota parte al margine lordo che in ogni caso non supera ad oggi il 13% medio.
Se poi si considerano le varie offerte presenti sul mercato e i prezzi praticati in modalità self si vede che il prezzo industriale Italia è in linea con il prezzo medio dell’UE, e in qualche caso più basso.
La riduzione che sarebbe ragionevole dunque attendersi sarebbe la diminuzione del prezzo del greggio in rapporto al prezzo industriale, depurato dalle componenti fisse.
E ciò è quello che in parte avviene
Considerando che la quotazione della materia prima è passata da € 0,344 di giugno a circa € 0,280 di agosto, registrando una diminuzione del 20% nei tre mesi, mentre il prezzo medio alla pompa è passato da € 1,623 /lt a 1,568 /lt per la benzina con una diminuzione solo del 4 % , mentre per il gasolio siamo passati da 1.504 lt a 1,399 lt con una diminuzione del 7 %: gli italiani hanno si ragione quando sostengono che a variazioni in diminuzione del greggio non corrisponde la stessa percentuale in diminuzione alla pompa, ma va considerato che la riduzione è stata comunque registrata sulla parte mobile del costo! 
Gli italiani hanno ragione ma sino a quando lo stato non interviene sulle accise rendendole flessibili come le quotazioni della materia prima , questo non potrà mai accadere, e i consumatori italiani se ne dovranno fare una ragione.
 

innova energia

logo new

export

Cerca nel sito

Newsletter



Acconsento al trattamento dei miei dati personali (dlgs. 196 del 30/Giugno/2003)

Accesso riservato ai soci

Settembre 2017 Ottobre 2017
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30

Eventi in Programma

Non ci sono eventi in programma
Consulta il Calendario